Convegno a Recanati: corretto utilizzo di una grande risorsa

Edizione Marche

Il Messaggero di Roma 1986

di E. Mascellani

Già, la luce…

Luce come fotosintesi clorofilliana, direbbe il naturalista. Ma luce è anche colore, immagine, atmosfere, attenzione (“far luce sui fatti” si dice), conoscenza. E luce vuol dire anche una “certa” conoscenza (“mettere nella giusta luce”). Luce è emozione, luce è evocazione…e via via a non finire, fino ai maliziosi vestiti di luce delle ballerine del Crazy Horse, che hanno fatto un’epoca. E i maliziosi non hanno torto. La luce è vita, ma determina anche la qualità di questa vita.

Nessuno, però, a parte gli specialisti, è disposto ad accettare il potere fortemente condizionante della luce sui nostri comportamenti. La luce è un fatto di sofisticata cultura ed emana sublimi messaggi che determinano inevitabilmente i nostri movimenti, la nostra emotività, il nostro rendimento, la nostra attenzione, e insomma tutto il nostro equilibrio.

E’ un fatto percepito come spontaneo, come il respirare, ma che occorre imparare ad usare correttamente.

Di qui il notevole interesse riscosso dal convegno organizzato dallo Studio di progettazione “Effetto Luce” di Recanati, con la collaborazione del prof. Luigi Manzoni, che ha parlato del complesso tema degli effetti che la luce ha nel rapporto tra uomo e ambiente. I risultati della progettazione di un’aula scolastica, illustrati dal prof. Manzoni, un lavoro patrocinato dall’Albo degli optometristi, hanno dato prova che ancora molto può essere fatto, ad esempio, per la salvaguardia psicofisica del fanciullo o del lavoratore. Alla manifestazione ha aderito l’Ordine degli architetti di Macerata.

Il prof. Manzoni è, a Milano, fondatore e ispiratore del Light Studio, un centro di consulenza gratuitamente a disposizione degli operatori del settore (architetti, arredatori, progettisti) alle prese coi problemi del corretto utilizzo e controllo della luce.

Scienza della luce e illuminotecnica sono discipline che si stanno facendo largo nelle Università, ma che sono ancora da promuovere se (dice un’indagine di una decina di anni fa), solo il 7% degli ambienti adotta criteri di corretto uso della luce. Anche di questo i numerosi esperti del settore intervenuti al convegno hanno dato largamente atto.