Press

Effettoluce: light passion

Bealux – Gennaio 2015 

Una vera e propria venerazione per la luce e per ciò che rappresenta: la capacità stessa di dare vita ad un qualsiasi oggetto perché senza di essa nulla in effetti potrebbe essere visto e percepito.

Parlando dell’azienda nata a Recanati nel 1985 non si può fare a meno di legarla a un sostantivo: passione. Proprio a partire da essa infatti si è portato avanti negli anni l’obbiettivo di trasmettere una concezione della luce come strumento di espressione dell’anima, tanto delle persone quanto delle cose, illuminare una stanza, un quadro, uno spazio all’aperto non significa solamente renderlo visibile, ma mostrarne i particolari che ne rivelano la vera essenza, creare un veicolo di vera e propria comunicazione. Fin dall’inizio, quindi, massima attenzione dai progettisti è stata dedicata all’interpretazione del rapporto con il committente e a quello tra luce ed architettura.

Non sfiora la mente di chi lavora in Effettoluce il concetto di considerare un progetto di illuminazione qualcosa di semplicemente “elettrico”: una struttura illuminotecnica è di per sé un vero e proprio progetto architettonico anche perché deve andare ad inserirsi su qualcosa di preesistente, non turbandone l’equilibrio ma anzi concorrendo a creare una maggiore armonia. Ecco allora che alla figura classica dell’architetto è stata affiancata quella del light designer, colui cioè che “costruisce” la luce, che sa creare soluzioni ad hoc, dare vita a giochi di luce, comprendendo i desideri e le esigenze del cliente e dandogli forma, trasformando un pensiero in qualcosa di concreto.

Costante è stata la crescita dell’azienda recanatese sia sul versante della competenza e della professionalità che per quanto riguarda il rapporto con il mercato. All’interno di Effettoluce convivono infatti due anime: quella relativa alla progettazione della luce, che puntando su ricerca e sviluppo è in grado di suggerire la soluzione più adatta per qualsiasi tipo di ambiente, e quella commerciale, che negli anni si è legata ad alcuni dei nomi più prestigiosi nel panorama nazionale ed internazionale.

Sperimentare è una leva fondamentale da spendere soprattutto in mercati esteri, dove una buona dose di originalità e spettacolarità è fortemente apprezzata, a patto di saper comprendere la differente “cultura della luce” che caratterizza Paesi diversi dal nostro. Internazionalizzarsi avendo partner a Montreal, New York, Mosca, Parigi e Hong Kong e a brevissimo Panama, rappresenta senza dubbio un lustro per l’impresa marchigiana.

Grandi marchi dei più differenti settori hanno scelto di legare la propria immagine all’illuminazione creata da Effettoluce. Questo perché chi si chiama Della Valle, Valentino, Ferragamo, Bally, Volkswagen non vuole plasmare le proprie esigenze sulle caratteristiche di un prodotto, sia la fonte di luce come in questo caso o altro. Ciò che desidera è avere un pool di progettisti qualificati che lavorino dedicandosi totalmente a capire cosa va bene per loro, creando qualcosa che sia unico.

Armonizzare il rapporto tra uomo ed ambiente, rispettando il contesto, analizzando i criteri strutturali dell’edificio e le caratteristiche degli oggetti che contiene: così l’azienda ha saputo conquistarsi la stima dei grandi marchi. Ciò significa avere una vetrina nelle più importanti città del mondo: Parigi, Londra, Mosca, Hong Kong, Tokyo, Shangai, Dubai, New York.

La caratteristica esaltante di Effettoluce è però più di ogni altra quella di essere stata capace di coprire per intero lo spettro delle esigenze e delle location: residenze private, boutique, strade, piazze, palazzi, scuole, ospedali, aeroporti, imbarcazioni.

Potremmo dire che dove c’è luce c’è Effettoluce. Legare luce ed arte è stata un’operazione quasi inevitabile per l’azienda recanatese. I tecnici e i progettisti di Effettoluce si sono infatti trovati a lavorare fianco a fianco con ingegneri, architetti e storici dell’arte nel momento in cui si è dovuta realizzare l’illuminazione della Grande Biblioteca di Alessandria d’Egitto, della Galleria d’Arte Contemporanea di Assisi, degli Uffizi Pisani e di tante altre mostre. Ma il fiore all’occhiello in questo settore è senza dubbio la progettazione dell’impianto di illuminazione della Galleria dei Gioielli del Louvre di Parigi. Oltre al connubio con l’arte, fondamentale è creare rapporti con il mondo della cultura, dell’imprenditoria e della tecnica

Da questa convinzione, di cui l’amministratore unico Vanni Elisei si è fatto portavoce, è nata l’idea di realizzare uno spazio-laboratorio outdoor interamente dedicato all’illuminazione di esterni.

Non meno importante infine, la domotica: oggi ancora più di ieri è fondamentale prestare la massima attenzione ai progetti di controllo ed automazione della luce, finalizzati al risparmio energetico.

Anche in quest’ambito Effettoluce è in grado di fornire prestazioni altamente competitive.

Le principali realizzazioni di Effettoluce

Stabilimenti industriali: WRAP, Gruppo Merloni, Elica, Della Valle

Strutture sportive: Fiorentina Calcio

Boutique e sedi commerciali: in tutto il mondo Boutique Tod’s, Boutique Hogan, Boutique Fay, Boutique Roger Vivier, Boutique Valentino, Boutique Bally. Inoltre : Boutique Cartier, Boutique La Perla, Boutique Cavalli, Centro Commerciale Ricreo-Caracas, Volkswagen, punti vendita 3Telefonia, Docksteps

Strutture ricettive: Hotel Ferravamo (Roma)

Monumenti, istituzioni culturali: Museo Louvre – Galleria dei Gioielli Sezione Arti decorative (Parigi), Grande Biblioteca di Alessandria d’Egitto, Uffizi Pisani “Palazzo Reale e Palazzo delle Vedove” (Pisa), Biblioteca della Camera dei Deputati (Roma), Galleria di Arte Contemporanea Pro-Civitate Christiana (Assisi), Museo Tattile Statale Omero (Ancona), Rocca di San Leo (Pu), Museo della Città (Ancona)

Illuminazione pubblica: Aeroporto de Varadero (Cuba)

Effetto Luce si espande con una nuova filiale in Emilia Romagna

Corriere Adriatico – 18 Luglio 2014

L’Effetto Luce ha presentato questa settimana la nuova filiale di Rimini ad un folto pubblico di progettisti ed esponenti dell’industria dell’Emilia-Romagna e San Marino. Sono intervenuti anche l’assessore Gian Luca Brasini e il Sindaco della città Andrea Gnassi, che ha avuto modo di apprezzare l’Effetto Luce anche per le sue realizzazioni in campo internazionale e si è detto contento di poterla accogliere nel territorio riminese, poiché sono proprio queste eccellenze che fanno bene alla città di Rimini. La filiale è stata aperta presso l’ex cinema all’aperto Arena delle Stelle nel cuore del Borgo Medioevale di San Giovanni, in prossimità dell’arco Trionfale di Augusto, di epoca Romana. L’amministratore Delegato dell’ Effetto Luce, Vanni Elisei ci racconta “abbiamo fatto rivivere il passato del luogo, caro anche a molti dei presenti, proiettando effetti luminosi sullo schermo murale originale che dalla seconda metà degli anni cinquanta era utilizzato come supporto di proiezione (di dimensioni 20x15m). Risalto è stato dato anche allo straordinario proiettore cinematografico in uso all’epoca anch’esso di dimensioni notevoli (è alta circa 2,20m).

L’amministratore Delegato Vanni Elisei continua: “Rimini è stata scelta poiché al centro del più importante mercato dell’ospitalità rappresentato dalla Romagna, caratterizzato dai servizi e l’eccellenza, due virtù da sempre perseguite della Effetto Luce. La nostra azienda recanatese crede da sempre infatti che per una veloce ripresa bisogna puntare sull’eccellenza, che per l’Italia è rappresentata dalla valorizzazione del patrimonio culturale e naturalistico, nonché sulla miniera italiana rappresentata dall’industria dell’accoglienza e del turismo. Su questa convinzione si basa la filosofia progettuale di Effetto Luce che affianca alla realizzazione di progetti emozionali, anche una forte attenzione alla ottimizzazione dell’investimento e dei consumi per offrire un risultato di qualità che sia sostenibile anche a livello ambientale.”

L’Effetto Luce, con esperienza trentennale e progetti in tutto il mondo, è convinta dell’unicità del Made in Italy e del suo potenziale anche nel campo dei servizi, questo è il motivo per cui ha deciso di espandersi proprio puntando ad un’altra regione Italiana. A Rimini sono stati istituiti nuovi uffici, showroom indoor e outdoor e proprio in occasione dell’apertura è stato stretto un accordo con l’Ordine degli Architetti per l’organizzazione di convegni e seminari formativi sull’evoluzione del settore illuminotecnico. Ci dice ancora Elisei “i dati delle associazioni di categoria sono tutt’altro che rincuoranti, nonostante il contesto di crisi diffusa e perdurante è importante che si reagisca con forza, orgoglio, entusiasmo e operosità. In questo periodo pensare allo sviluppo e alla espansione è diventato difficile poiché automaticamente si associano ad essi il pensiero di un ulteriore sforzo economico e energie da dedicare. Dobbiamo bensì tornare a pensare allo sviluppo in termini più positivi, associandogli concetti come la cura che dobbiamo mettere nel lavoro di tutti i giorni per dare il massimo sempre e la voglia di tornare a rimboccarsi le maniche per superare gli ostacoli che pur si sono fatti sempre più grandi. Non è affatto facile, ma è l’unico modo sì per sopravvivere, ma anche per tornare a crescere con tutti i collaboratori che alla propria azienda sono legati.

Elisei conclude “riscopriamo l’ottimismo, torniamo a sognare con determinazione e passione e guidati dall’esperienza mettiamoci un po’ di quel coraggio che scaturisce dall’avere consapevolezza e fiducia nelle proprie capacità, dal valorizzare le buone idee e che prende forza dai valori condivisi con le persone con cui quotidianamente collaboriamo.” Proprio in questa prospettiva si inserisce la filiale di Rimini e la prossima apertura di un ufficio commerciale a Milano, visto lo slancio all’internazionalizzazione dell’azienda.

 

Filiale a Rimini per Effetto Luce “Presto un ufficio anche a Milano”

Il Resto del Carlino – filiale Rimini – 17 luglio 2014

“EFFETTO Luce”, nota azienda recanatese, ha presentato questa settimana la nuova filiale di Rimini a un folto pubblico di progettisti ed esponenti dell’industria dell’Emilia-Romagna e San Marino. La filiale è stata aperta presso l’ex cinema all’aperto Arena delle Stelle nel cuore del Borgo Medioevale di San Giovanni, in prossimità dell’arco Trionfale di Augusto. L’amministratore delegato Vanni Elisei è naturalmente soddisfatto: “Rimini è stata scelta poiché al centro del più importante mercato dell’ospitalità rappresentato dalla Romagna, caratterizzato dai servizi e l’eccellenza, due virtù da sempre perseguite della Effetto Luce. La nostra azienda crede da sempre infatti che per una veloce ripresa bisogna puntare sull’eccellenza, che per l’Italia è rappresentata dalla valorizzazione del patrimonio culturale e naturalistico, nonché sulla miniera italiana rappresentata dall’industria dell’accoglienza e del turismo”. A Rimini sono stati istituiti nuovi edifici, showroom indoor e outdoor e proprio in occasione dell’apertura è stato stretto un accordo con l’Ordine degli Architetti per l’organizzazione di convegni e seminari formativi sull’evoluzione del settore illuminotecnico. Elisei conclude: “Riscopriamo l’ottimismo, torniamo a sognare con determinazione e passione e guidati dall’esperienza mettiamoci un po’ di quel coraggio che scaturisce dall’avere consapevolezza e fiducia nelle proprie capacità”. Proprio in questa prospettiva si inserisce la filiale di Rimini e la prossima apertura di un ufficio commerciale a Milano.